Prestito chirografario: cos’è e come funziona

Il chirografario è il sottoscritto, firmato. La firma del richiedente rappresenta l’elemento necessario per ottenere questo tipo di prestito insieme alle garanzie reddituali. Oltre alla certificazione reddituale, non richiede garanzie reali. 

In gran parte dei casi di finanziamento chirografario, l’istituto di credito richiede la firma del debitore ed una garanzia reddituale come stipendio o pensione. 

Si può definire un prestito fiduciario garantito dalla capacità reddituale e dal patrimonio del richiedente. Non prevede, in genere, l’intervento di un garante; presuppone una buona solidità finanziaria ed una storia creditizia ineccepibile. 

E’ un prestito contrapposto a forme di credito garantite da ipoteca o pegno. I chirografari non sono, comunque sia, poco sicuri per l’ente erogatore: con la sua firma il richiedente si impegna a rimborsare il finanziamento concedendo, ad esempio, il TFR o il pignoramento dei beni.

Esempi di prestito chirografario

Il prestito o finanziamento chirografario comprende una serie di prestiti comuni ed ampiamente diffusi tra cui:

Seppure ogni tipo di prestito su menzionato abbia caratteristiche proprie, tutti fanno parte della famiglia di prestiti chirografari.

Per il prestito personale e la cessione del quinto dello stipendio, in mancanza di garanzie patrimoniali, è possibile nominare un garante che si impegna ad onorare le rate mensili in caso di inadempienza del debitore. 

In caso di cessione del quinto, è la polizza assicurativa obbligatoria che copre i rischi mettendo al sicuro i beni personali propri e degli eredi.

Importo massimo erogato e durata

Il finanziamento chirografario può essere richiesto da privati, lavoratori autonomi ed imprese in grado di presentare un reddito come garanzia di rimborso della somma erogata.

A differenza di altri tipi di prestito, quello chirografario è concesso per un periodo di tempo inferiore (4-5 anni con rate mensili o trimestrali) e per importi contenuti (fino a 30.000 euro).

Per i limiti dell’importo massimo erogato, il prestito di solito viene richiesto per far fronte a piccole spese o da più soggetti per realizzare interventi su parti comuni di un condominio quando è impossibile sottoscrivere un’ipoteca.

Nonostante la stabilità finanziaria del richiedente, prima di erogare la somma la banca effettuerà verifiche indagando sul suo passato creditizio.

Prestiti chirografari: vantaggi e svantaggi

Il prestito chirografario presenta pro e contro.

Tra i vantaggi ricordiamo:

  • nessuna richiesta di garanzia reale (seppure, in certi casi, venga richiesta la firma di un garante o una fideiussione);
  • spese notarili non previste;
  • nessun obbligo di sottoscrivere polizze di assicurazione;
  • erogazione della somma in un’unica soluzione.

Gli svantaggi sono:

  • limite massimo dell’importo erogato che non supera i 30.000 euro;
  • tassi di interesse applicati più alti rispetto a quelli di un prestito garantito. Il tasso d’interesse può essere fisso, variabile, misto o indicizzato.

Prestito chirografario per le imprese

Possono richiedere un prestito chirografario anche piccole e medie imprese di qualsiasi settore, artigiani e lavoratori autonomi con partita IVA per finanziare l’acquisto di beni o per ristrutturare immobili legati all’attività svolta.

In genere, il piano di ammortamento non supera i 5-6 anni e, anche per le aziende, il tasso di interesse applicato può essere fisso, variabile, misto o indicizzato.

Tipologie di prestiti chirografari

Sono tre le tipologie di prestito chirografario:

  • classico, di cui abbiamo trattato finora;
  • con rata pesante che prevede il rimborso di una parte di prestito con rate mensili ed un versamento dell’importo residuo in un’unica rata più consistente, ‘pesante’;- con ammortamento differito che dà la possibilità di posticipare il rimborso della prima rata (di solito, 6 mesi).

, , ,

About Jacqueline Facconti

Laureata in Economia Aziendale e in Strategia, Management & Controllo con 110 e Lode presso l’Università di Pisa, redattrice e collaboratrice editoriale per vari blog e siti Economici e Business
View all posts by Jacqueline Facconti →