Prestiti per PMI: cosa sono e come si ottengono

Le aziende possono necessitare di un finanziamento per investire, sull’innovazione tecnologia, ad esempio, per aggiornare il proprio software gestionale per aumentare la competitività sul mercato. Tra i vari prestiti per aziende, la soluzione per le PMI è quella di cui tratteremo nel nostro focus.

Rivolgendosi alla propria banca di fiducia, o cercando online la soluzione migliore, si può trovare la soluzione più adatta alle esigenze di un’azienda può rivelarsi un’operazione semplice e rapida. Consultando le migliori offerte di prestiti alle imprese è possibile personalizzare la richiesta in base alle proprie necessità in modo rapido e sicuro. 

Quali sono le soluzioni migliori oggi per le PMI? Quali finanziamenti si possono richiedere ed ottenere alle condizioni più agevolate?

Prestiti per PMI: come funziona il prestito alle imprese?

Attività di franchising o commerciale da avviare, rilevamento di attività già avviate. Ogni azienda ha il suo obiettivo da raggiungere. 

In genere, i prestiti alle imprese sono a tassi agevolati. La banca valuta la richiesta in base alla documentazione presentata dall’azienda: business plan, contabilità, preventivi ed altri strumenti che consentono all’istituto di credito di avere un quadro completo dell’impresa da finanziare e di capire per cosa servirà il prestito aziendale.

Tra le diverse soluzioni legate alla finalità del finanziamento, ritroviamo:

  • il bonus digitalizzazione 2021,
  • i prestiti a fondo perduto o microcrediti,
  • formule di finanziamento che prevedono l’intervento del Fondo di Garanzia PMI. La garanzia è gratuita, senza commissioni: le imprese pagano solo gli interessi legati al finanziamento.

Le misure di potenziamento del Fondo di Garanzia per i prestiti per le PMI previste dal Decreto Liquidità avevano una scadenza che è stata ulteriormente prorogata dalla Legge di Bilancio 2021. Piccole e medie imprese (ma anche professionisti) potranno usufruire della garanzia in base all’importo del finanziamento richiesto:

  • 100% per prestiti fino a 30mila euro, concessi automaticamente senza valutazioni creditizie da parte della banca e con costi bassi;
  • 90% per importi superiori (fino a 5 milioni di euro) con possibilità di arrivare al 100% (da 800mila in su) con l’intervento aggiuntivo dei Confidi.

Modifiche per richieste di finanziamento fino a 30mila euro

Per le richieste di finanziamento fino a 30mila euro con copertura del 100%, la Legge di Bilancio 2021 prevede alcune modifiche che verranno confermate tramite circolare.  Tra queste modifiche, c’è l’aumento della durata massima del prestito da 10 a 15 anni e la rettifica del metodo per determinare il tasso di interesse massimo da applicare (il tasso non deve superare lo 0,20% incrementato del valore (se positivo) del Rendistato con la stessa durata al finanziamento concesso).

La proroga si riduce a 2 mesi (fino al 28 febbraio 2021) per le aziende cosiddette mid-cap che hanno un numero di dipendenti compreso tra 250 e 499.

Legge di Bilancio 2021: prestiti per aziende (PMI) con garanzia SACE

La Legge di Bilancio 2021 prevede il passaggio dal Fondo di Garanzia PMI alla società Garanzia Italia di SACE. Le garanzie dello stato sui prestiti potranno essere richiesti fino al 31 dicembre 2021.

Le PMI potranno, dunque, accedere allo strumento SACE per ottenere garanzie anche per la rinegoziazione ed il consolidamento di prestiti già esistenti.  Per le richieste di finanziamenti garantiti dallo Stato, varrà una norma transitoria necessaria per la graduale migrazione delle aziende mid-cap dal Fondo di Garanzia PMI allo strumento SACE.

Come funziona la richiesta ?

Una volta presentata la domanda alla banca, questa la inoltrerà allo Stato insieme alla sua valutazione di merito. La richiesta verrà esaminata e, se sarà ritenuta ammissibile, lo Stato autorizzerà la conversione del prestito in contributo.

, , , ,

About Jacqueline Facconti

Laureata in Economia Aziendale e in Strategia, Management & Controllo con 110 e Lode presso l’Università di Pisa, redattrice e collaboratrice editoriale per vari blog e siti Economici e Business
View all posts by Jacqueline Facconti →