Prestiti per giovani e giovani coppie: semplici e veloci

I e giovani coppie vengono concessi a clienti di età compresa tra i 18 ed i 35 anni. Si tratta di al mantenimento degli studi universitari, all’acquisto di un’auto, a progetti imprenditoriali.

Chi è giovane o molto giovane, di solito, non ha un lavoro stabile o uno stipendio fisso. Per questa specifica categoria, le banche hanno pensato a soluzioni ad hoc per consentire a ragazzi e studenti di realizzare i propri sogni e progetti.

Le forme di prestito per giovani (in genere, con capitale erogabile compreso tra 500 e 15.000 euro) non prevedono, tra i principali requisiti, l’occupazione stabile del richiedente. In compenso, richiedono altri tipi di garanzie o condizioni.

Vediamo quanti e quali sono i prestiti pensati per giovani e giovani coppie.

Prestiti per giovani e giovani coppie rivolti a studenti

I prestiti per giovani studenti sono molto gettonati in Italia.

Sono rivolti ai giovani che devono mantenere un percorso di studi universitari oppure iscriversi ad un master universitario. Il prestito può essere finalizzato anche all’acquisto di strumenti e materiali didattici.

I prestiti per studenti a tasso agevolato fanno parte di una convenzione tra facoltà universitarie ed istituti di credito. In particolare, i cosiddetti prestiti d’onore, oltre a supportare ragazzi che vogliono realizzare un progetto imprenditoriale, sono pensati anche per sostenerli nella formazione universitaria o post-laurea.

I prestiti d’onore prevedono una parte di capitale da erogare a fondo perduto ed un’altra come prestito a tasso agevolato.

Prestiti per giovani senza lavoro

Difficilmente, un giovane può vantare una stabilità occupazionale e uno stipendio fisso, insomma i requisiti che di solito le banche chiedono per concedere un prestito.

Per questi ragazzi, esistono i prestiti per giovani senza lavoro con cui diverse banche tendono una mano ai più giovani senza busta paga. Richiedono garanzie come la fideiussione (il richiedente deve presentarsi con un garante). In alternativa, il richiedente può presentare un regolare contratto di affitto oppure iscrivere ipoteca su un immobile di proprietà.

Prestiti per giovani e giovani coppie: finanziamenti a fondo perduto

Una delle vie più seguite ultimamente dai ragazzi per richiedere un finanziamento è il prestito a fondo perduto. Di che si tratta?

E’ un prestito rivolto a start up e giovani imprenditori. Si contano varie tipologie di prestiti a fondo perduto: regionali, statali, europei. Può richiederli il giovane che vuole costituire cooperative, attività in franchising, microimprese e specifiche società (s.a.s., s.n.c., s.a.p.a., s.s, S.p.A.).  

Per i finanziamenti a fondo perduto, non è previsto il rimborso né del capitale concesso in prestito né degli interessi maturati e neanche delle spese notarili.I prestiti a fondo perduto per giovani imprenditori non prevedono vincoli di tempo per usufruire dell’agevolazione. Con questa forma di prestito è possibile finanziare la produzione di beni agricoli, artigianali o industriali; fornitura di servizi alle imprese (tranne per attività commerciali, turistiche e per servizi amministrativi pubblici). Il prestito per giovani imprenditori è per il 50% a fondo perduto, per il restante 50% rimborsabile in 10 anni.

Il Fondo Garanzia Giovani è destinato a ragazzi di età compresa tra 18 e 29 anni per agevolare il loro ingresso nel mondo del lavoro come giovani imprenditori.

Il fondo accompagna i giovani dalla fase di start-up a quella di concretizzazione del progetto. Garantisce incentivi economici ed un percorso di formazione al termine del quale si potrà accedere al fondo. Per questa forma di finanziamento a tasso zero (che va da un minimo di 5.000 ad un massimo di 50.000 euro), non sono richieste garanzie personali.

E’ previsto un piano di ammortamento fino ad un massimo di 7 anni.

, , ,

About Jacqueline Facconti

Laureata in Economia Aziendale e in Strategia, Management & Controllo con 110 e Lode presso l’Università di Pisa, redattrice e collaboratrice editoriale per vari blog e siti Economici e Business
View all posts by Jacqueline Facconti →